Principale Blog Ashley Edwards: comproprietario di Palmer's

Ashley Edwards: comproprietario di Palmer's

Ashley Edwards si era laureata in giornalismo all'Università dell'Indiana. È stata attratta dal campo perché è incuriosita ed energizzata dalle storie delle persone.

Tuttavia, la vita l'ha portata in una direzione diversa quando si è trasferita ad Atlanta nel 1994. Ha ottenuto un lavoro come broker alimentare e lì è iniziata la sua passione per il settore della ristorazione.



Ashley ha scoperto il suo amore per entrare nelle cucine dei ristoranti, incontrare gli chef e conoscere le loro operazioni. Dopo aver vissuto a Buckhead per alcuni anni, si è sposata, si è trasferita in periferia e ha avuto dei figli. All'arrivo a Peachtree City, appena a sud di Atlanta, rimase perplessa per la mancanza di ristoranti unici e indipendenti. La città di 35.000 abitanti era composta da una serie di catene di ristoranti insignificanti e generici... una storia che si svolgeva in molti paesaggi suburbani. Le mancavano i ristoranti cool, vivaci e creativi che punteggiavano le strade di Atlanta.

Nel 2008, dopo aver portato i loro tre figli attraverso gli anni della prima infanzia, Ashley e suo marito hanno realizzato il loro sogno e hanno aperto un ristorante. Si chiamava Downtown Grill ed è diventato rapidamente uno dei locali preferiti. È stato al Downtown Grill, dove Ashley ha realizzato la sua passione per il collegamento con le persone attraverso il cibo. Amava conoscere gli ospiti, ricordare cosa mangiavano e dove andavano in vacanza. Si è sentita energizzata facendo l'ospite e creando un'atmosfera in cui le persone si connettevano attraverso il cibo. Si sentiva come se avesse trovato il desiderio che doveva fare.

Mentre Ashley e suo marito godevano di un grande successo al Downtown Grill, la vita sembrava molto stressante. Avevano tre bambine, dai 4 ai 10 anni, e il marito di Ashley aveva un lavoro a tempo pieno molto impegnativo fuori dal ristorante. Quindi si sentivano un po' come se stessero affogando.



Nel tentativo di semplificare la vita, hanno venduto Downtown Grill nel 2013. Tuttavia, non sapevano, c'era un altro progetto che si profilava all'orizzonte.

La coppia aveva a lungo ammirato un vecchio edificio vuoto del KFC a Peachtree City. Era arroccato splendidamente su una collina, leggermente distante dalla via principale e circondato da lussureggianti mirti crespi. A quel tempo, non c'era un ristorante nella città di Peachtree che non fosse in un parcheggio, e sapevano che questo sarebbe stato un posto perfetto! Tuttavia, nel corso degli anni avevano chiesto informazioni sull'edificio e avevano sempre concluso che il prezzo era un po' troppo fuori dalla loro portata. Erano passati diversi anni da quando avevano venduto Downtown Grill, e mentre Ashley si stava godendo il tempo con le sue figlie, le mancava il trambusto del settore della ristorazione.

A metà del 2014, hanno sentito da un amico che il proprietario del vecchio KFC era ansioso di vendere e che, se erano ancora interessati, avrebbero dovuto fare un'offerta. Si sono ridotti... offrendo meno della metà del precedente prezzo richiesto, temendo che il venditore ridesse dell'offerta. Con loro grande sorpresa, la loro offerta fu accettata e iniziò la nascita di di Palmer . Ci sono stati due anni trascorsi a progettare, sventrare, concettualizzare e costruire... e finalmente ha aperto le porte nel marzo del 2016.



Mentre era chiaro che Peachtree City era affamata di un nuovo ed eccitante luogo di ritrovo, Ashley e il suo compagno sono rimasti stupefatti dal fervore con cui la comunità li ha supportati, fin dall'inizio. I primi mesi erano aperti, c'erano file fuori dalla porta. Per quanto entusiasmante fosse quell'entusiasmo, non erano preparati per la folla.

Molte notti, la cucina si è schiantata e i server hanno ceduto regolarmente sotto la pressione, ricorda Ashley. Io e il mio compagno lavoravamo entrambi 65-70 ore a settimana, e c'erano innumerevoli notti in cui entrambi tornavamo a casa e piangevamo. Sono stati sei mesi faticosi. Stavamo imparando, agitandoci, fallendo e perseverando.

Tuttavia, alla fine l'hanno capito, hanno sviluppato una squadra forte e hanno messo in atto processi per creare coerenza, sia in cucina che davanti alla casa. Hanno imparato a controllare la folla camminando sulla porta. Hanno imparato l'importanza di assumere le persone giuste e lasciare andare quelle sbagliate.

Mi viene ancora l'ansia quando ripenso a quei primi mesi, ma mi crogiolo anche nella consapevolezza di quanto lontano siamo arrivati. Ashley dice.

Scopri di più nella nostra intervista con Ashley qui sotto!

La nostra intervista con Ashley Edwards, comproprietario di Palmer's

Cosa dovrebbero sapere le persone di Palmers?

Palmer's è un luogo in cui le persone sentono un senso di calore e familiarità quando entrano. Impariamo i nomi dei nostri ospiti e li usiamo. Facciamo di tutto per far sentire tutti speciali. Comprendiamo il valore di una connessione personale. La vita delle persone è stressante e, in gran parte, credo che la maggior parte delle persone si senta oberata di lavoro e sottovalutata. Io e il mio compagno ci sforziamo di rendere Palmers un luogo in cui i nostri ospiti si sentano speciali, unici e apprezzati. Le persone possono dimenticare quello che hai detto, ma non dimenticheranno mai come le fai sentire!

Dal punto di vista del cibo, Palmer's è accessibile e riconoscibile. Puoi diventare vegano con la nostra insalata tritata o andare all-in con un sandwich di pollo fritto al latticello. Dal punto di vista del prezzo, due persone possono ordinare tacos di pesce e uscire di lì per meno di $ 25, oppure possono godersi una bella bottiglia di Napa Cab e un Filet Mignon e spendere più di cento. Inoltre, realizziamo praticamente tutto da zero. Questo dimostra davvero la qualità e l'integrità del nostro cibo.

Perché sei appassionato del business?

Amo tutto del cibo. Per me, la cucina è come l'arte. Prendi alcuni ingredienti di base e li fondi insieme per creare qualcosa di bello e magico. Ma quello che amo davvero del cibo è il modo in cui unisce le persone.

Il cibo favorisce la connessione e credo che ciò che le persone bramano più di ogni altra cosa in questo mondo SIA la connessione. Essere nel settore della ristorazione mi permette di sposare il mio amore per il cibo con la mia passione per il contatto con le persone. Non riesco a pensare a un modo migliore per trascorrere la mia vita.

Qual è il tuo piatto preferito da Palmer's?

Di solito mangio la nostra insalata tritata con salmone annerito. Tuttavia, alcuni giorni richiedono solo la decadenza. Quando mi sento indulgente, ordino la nostra focaccia con fichi e prosciutto o, se riesco a convincere il mio partner a condividerli con me, i nachos di petto.

che significa il successo per te?

Sento un senso più palpabile di successo quando passo da Palmer's in un giovedì sera frenetico e vedo le persone che si divertono. Sento che ci siamo riusciti quando i nostri ospiti sono nel patio e ridono con i loro amici e le loro famiglie. La vita è fatta di tanti piccoli momenti e sono grato che abbiamo l'opportunità di creare per le persone un luogo in cui questi piccoli momenti si trasformino in ricordi duraturi.

In che modo il clima COVID ha influenzato il business? Abbiamo dovuto cambiare rotta e ripensare la nostra strategia in questo periodo?

Non credo che nessuno nel settore dell'ospitalità sia sfuggito agli effetti del COVID. Tuttavia, siamo stati più fortunati di altri.

perché il PIL reale è più accurato del PIL nominale?

Quando siamo stati costretti a chiudere la sala da pranzo a metà marzo, io e i miei compagni ci siamo seduti, con il cuore pesante, per elaborare una strategia per la nostra prossima mossa. Erano acque inesplorate. C'erano così tante decisioni difficili da prendere e volevamo essere intenzionali nel dare priorità sia al benessere finanziario che al livello di sicurezza e comfort dei nostri dipendenti. Alla fine abbiamo deciso di essere aperti solo per la cena da asporto, con ritiro a bordo strada. Siamo stati sopraffatti dalla dimostrazione istantanea di supporto da parte della comunità. Le nostre serate passavano improvvisamente a fare i bagagli ed etichettare centinaia di scatole da asporto ogni sera. Scrivevamo spesso piccole note d'amore sulle scatole ai nostri ospiti abituali, che ordinavano più volte alla settimana.

C'erano notti in cui i nostri ospiti, affamati della connessione che erano abituati a sentire da Palmer's, si riunivano nel nostro parcheggio e organizzavano feste sul portellone socialmente distanziate con il loro cibo da asporto. Mi ha fatto sorridere il fatto che alla gente mancasse così tanto Palmer's che hanno cenato nel nostro parcheggio, solo per provare un senso di normalità.

Per quanto sia stato triste vedere il nostro patio normalmente affollato vuoto in un soleggiato pomeriggio di aprile, alcune cose davvero interessanti sono emerse dall'arresto del COVID.

Abbiamo collaborato con alcune persone incredibili nella comunità, che hanno raccolto fondi per fornire pasti agli operatori sanitari. C'erano molte mattine in cui io e il mio compagno Billy passavamo ore a impacchettare ed etichettare scatole di tacos di pesce e insalate sud-ovest, che poi consegnavamo agli ospedali. È davvero fantastico quando vedi la tua comunità sollevarsi e lavorare insieme per fare la differenza nella vita delle persone. Ho ricevuto così tanti messaggi dagli operatori dell'ospedale su quanto apprezzassero questi pasti.

Abbiamo anche notato molta pesantezza nei nostri ospiti mentre portavamo il cibo nelle loro auto e volevamo trovare un modo per dare loro un po' di leggerezza nell'incertezza che stavamo affrontando. Armati di un po' più di tempo libero, un'app Tik Tok e uno spirito giocoso, abbiamo iniziato a fare video musicali e a pubblicarli sui nostri social media. Il feedback positivo che abbiamo ricevuto è stato sorprendente e i nostri ospiti, fino ad oggi, ci chiedono di non smettere mai di fare questi video. Un po' di leggerezza, abbiamo scoperto, fa molto, molto. E inutile dire che la nostra presenza sui social media è cresciuta enormemente.

Infine, durante questo nuovo clima COVID, sono rimasto sbalordito dal modo in cui il nostro personale si è unito per adattarsi al nuovo ambiente. Hanno indossato allegramente le loro maschere, hanno trascorso i loro momenti liberi disinfettando le superfici e hanno preso sul serio il compito di mantenere un ambiente sicuro per i nostri ospiti al Palmer's.

Come pratichi la cura di te stesso?

Sono fermamente convinto che non puoi prenderti cura degli altri se prima non ti prendi cura di te stesso. Comincio ogni mattina con un allenamento ragionevolmente intenso, che di solito include una combinazione di Pilates e corsa. Ho uova e avocado, cosparsi di curcuma a colazione... praticamente tutte le mattine. Sono estremamente disciplinato nell'ottenere otto ore di sonno, allenarmi e mangiare sano. Sono la parte migliore di me quando il mio corpo si sente bene.

Nei momenti di incertezza o dubbio che hai in te stesso, come ti mantieni concentrato e ti ricostruisci?

A volte ci sentiamo tutti dei truffatori. Ci buttiamo tutti su noi stessi e sentiamo di non essere abbastanza. Sono particolarmente duro con me stesso e non mi sento mai all'altezza del mio potenziale. Questo non è un modo sano di vivere e può creare un'ansia paralizzante. Ci sono diversi modi in cui supero questa sensazione, il primo è che mi circondo di persone positive e stimolanti che mi costruiscono e mi incoraggiano continuamente. Se non hai queste persone nella tua vita, TROVALE.

In secondo luogo, ho una leggera ossessione per i podcast di ispirazione. Quando corro o sono in macchina, ascolto costantemente discorsi motivazionali, podcast e sermoni di Ted. Brene Brown è una delle mie preferite e gran parte della sua saggezza mi ha cambiato la vita. Lasciare andare chi penso di essere, e abbracciare chi sono, è stato particolarmente potente. Ho passato molti anni concentrandomi su tutte le cose che non facevo bene. Non faccio fogli di calcolo, analizzo numeri o mi tengo al passo con i risultati sportivi. Ma faccio sentire bene le persone con la mia positività. Incoraggio coloro che mi circondano e faccio di tutto per farli sentire amati e degni. Per me dovrà bastare.

Che aspetto ha la tua routine quotidiana?

Nessun giorno è lo stesso nel settore della ristorazione! I giorni migliori sono quelli in cui nulla si rompe! Ci sono così tante parti mobili nella nostra attività, quindi ogni giorno in cui l'aria condizionata funziona correttamente, le nostre consegne si presentano in tempo, tutti i dispositivi di raffreddamento hanno una temperatura inferiore a 40 gradi e tutto il personale si presenta pronto a lavorare, è una buona giornata .

Cosa ami di più di quello che fai?

Amo la ristorazione perché mi dà l'opportunità di riversarmi nelle persone e farle sentire amate. Non c'è rilascio di serotonina migliore di quando sai di aver illuminato la giornata di qualcuno. Che si tratti di portare a casa un ospite Brisket Nachos, scrivere buon compleanno nel cioccolato su un piatto o semplicemente ascoltare mentre qualcuno mi racconta del loro nuovo lavoro... riesco a far sorridere le persone con piccoli gesti di gentilezza. Stare in contatto con i nostri ospiti mi fa sentire vivo.

Ho la fortuna di avere un partner commerciale esperto di numeri che gestisce brillantemente tutti i noiosi aspetti amministrativi della nostra attività. Gli sono così grato. Grazie a quello che fa, posso concentrare le mie energie sugli ospiti.

Se potessi tornare indietro e darti 3 consigli da quando hai iniziato la tua attività, quale sarebbe?

La prima è che non riuscirò mai a rendere felici tutti. Ci saranno solo alcune persone che non capiranno quello che facciamo, e devo essere d'accordo con questo. Sto imparando che non posso prenderlo sul personale. Una recensione negativa di Yelp a volte mi farebbe quasi venire le lacrime. Ci sto lavorando e cerco solo di concentrarmi sull'assicurarci di essere il meglio che possiamo essere ogni giorno.

In secondo luogo, ho imparato l'importanza di dedicare grande attenzione e considerazione a ogni dipendente che assumiamo. Il nostro front of house è rappresentativo di chi siamo e di cosa abbiamo lavorato duramente per costruire. Sono i volti della nostra attività. Se ho un brutto presentimento per qualcuno, ho imparato a fidarmi del mio istinto! L'ospitalità è quasi impossibile da insegnare. Si tratta di assumere le persone giuste!

Terzo, ho imparato che nel mio processo decisionale devo fare ciò che è meglio per il ristorante, anche se delude un ospite. Quell'ordine di 20 persone che arriva per il ritiro alle 6:30 di venerdì sera non sarà un buon scenario per nessuno... quindi ho imparato a dire educatamente di no all'ospite o a suggerire un orario di ritiro anticipato. Il mio partner Billy mi ha davvero aiutato in questo.

Qual è il futuro di Palmer's?

Palmer's è un concetto riconoscibile che credo che potremmo plop con successo praticamente ovunque. Cibo americano, leggermente rialzato, in un ambiente fresco e alla moda, con uno staff caldo e accogliente. Tuttavia, il successo in qualsiasi attività è subordinato alla disponibilità delle persone e dei processi giusti. Abbiamo sicuramente discusso di location future, ma al momento non abbiamo nulla di concreto nei lavori.

Cosa c'è dopo per te?

Ci sono così tante cose che voglio fare. Sono appassionato di benessere. Credo che quello che mangi dovrebbe farti sentire bene. In questa nota, mi piacerebbe aprire un concetto che serva cibo fresco, pulito e sano di giorno e si trasformi in un piccolo e caratteristico wine bar di quartiere di notte. La mia figlia più piccola ha altri due anni a casa. Voglio passare tutto il tempo che posso con lei. Quando aprirà le sue ali, io aprirò le mie!

A livello personale, sto lavorando per vivere con intenzione, rimanere nel presente e abbracciare la mentalità di crescita. Il mio obiettivo è continuare a imparare e crescere!