Principale Attività Commerciale Economia 101: cos'è l'economia dal lato della domanda? Scopri le diverse politiche sul lato della domanda con esempi

Economia 101: cos'è l'economia dal lato della domanda? Scopri le diverse politiche sul lato della domanda con esempi

Cosa guida la crescita economica: domanda o offerta? È uno dei dibattiti più fondamentali e ferocemente discussi in economia. Il modo in cui gli economisti e le amministrazioni si abbassano su questa domanda guida tutto, dai dibattiti sulle aliquote fiscali marginali per i ricchi a come i governi dovrebbero rispondere durante una recessione.

Vai alla sezione


Paul Krugman insegna economia e società Paul Krugman insegna economia e società

L'economista premio Nobel Paul Krugman ti insegna le teorie economiche che guidano la storia, la politica e aiutano a spiegare il mondo che ti circonda.



come scrivere un saggio di confronto e contrasto
Per saperne di più

Che cos'è l'economia dal lato della domanda?

L'economia della domanda viene spesso definita economia keynesiana da John Maynard Keynes, un economista britannico che ha delineato molti degli attributi più importanti della teoria nel suo Teoria generale dell'occupazione, degli interessi e del denaro .

  • Secondo le teorie di Keynes, la crescita economica è guidata dalla domanda (piuttosto che dall'offerta di) beni e servizi. In poche parole, i produttori non creeranno più offerta a meno che non credano che ci sia domanda per questo.
  • La teoria della domanda contrasta direttamente classico e economia dal lato dell'offerta , che sostengono che la domanda è guidata dall'offerta disponibile. Questa può sembrare una distinzione tra uova e galline, ma ha alcune importanti ramificazioni su come si guarda all'economia e al ruolo del governo in essa.
  • Contrariamente ai sostenitori dell'offerta, i keynesiani pongono meno enfasi sui livelli complessivi di tassazione e credono molto di più nell'importanza della spesa pubblica, specialmente durante i periodi di domanda debole.

Le principali differenze tra economia dal lato dell'offerta e dal lato della domanda

Ecco come l'economia dal lato della domanda differisce dal lato dell'offerta:

  • Gli economisti della domanda sostengono che invece di concentrarsi sui produttori, come vogliono gli economisti dell'offerta, l'attenzione dovrebbe essere sulle persone che acquistano beni e servizi, che sono molto più numerose.
  • Gli economisti della domanda come Keynes sostengono che quando la domanda si indebolisce, come durante una recessione, il governo deve intervenire per stimolare la crescita.
  • I governi possono farlo spendendo denaro per creare posti di lavoro, che daranno alle persone più soldi da spendere.
  • Ciò creerà deficit a breve termine, riconoscono i keynesiani, ma man mano che l'economia cresce e le entrate fiscali aumentano, i deficit si ridurranno e la spesa pubblica potrà essere ridotta di conseguenza.
Paul Krugman insegna economia e società Diane von Furstenberg insegna a costruire un marchio di moda Bob Woodward insegna giornalismo investigativo Marc Jacobs insegna fashion design

Quali sono le diverse politiche sul lato della domanda?

In generale, le politiche economiche dal lato della domanda sono duplici: una politica monetaria espansiva e una politica fiscale liberale.



  • In termini di politica monetaria , l'economia lato domanda sostiene che il tasso di interesse determina in gran parte il preferenza di liquidità , ovvero quanto sono incentivate le persone a spendere o risparmiare denaro. Durante i periodi di lentezza economica, la teoria della domanda favorisce l'espansione dell'offerta di moneta, che fa abbassare i tassi di interesse. Questo è pensato per incoraggiare il prestito e gli investimenti, l'idea è che tassi più bassi rendano più attraente per i consumatori e le imprese acquistare beni o investire nelle loro attività, attività preziose che aumentano la domanda o creano posti di lavoro.
  • Quando si tratta di politica fiscale , l'economia dal lato della domanda favorisce politiche fiscali liberali, specialmente durante le recessioni economiche. Questi potrebbero assumere la forma di tagli alle tasse per i consumatori, come l'Earned Income Tax Credit, o EITC, che è stata una parte importante degli sforzi dell'amministrazione Obama per combattere la Grande Recessione.
  • Un'altra tipica politica fiscale dal lato della domanda è quella di promuovere la spesa pubblica in opere pubbliche o progetti infrastrutturali. L'idea chiave qui è che durante una recessione è più importante per il governo stimolare la crescita economica di quanto non lo sia per il governo incassare entrate. I progetti infrastrutturali sono opzioni popolari perché tendono a ripagarsi da soli a lungo termine.

MasterClass

Consigliato per te

Lezioni online tenute dalle più grandi menti del mondo. Amplia le tue conoscenze in queste categorie.

Paul Krugman

Insegna Economia e Società

Scopri di più Diane von Furstenberg

Insegna a costruire un marchio di moda



segno zodiacale per il 24 settembre
Scopri di più Bob Woodward

Insegna giornalismo investigativo

Scopri di più Marc Jacobs

Insegna Fashion Design

Per saperne di più

Una breve storia dell'economia della domanda

Pensa come un professionista

L'economista premio Nobel Paul Krugman ti insegna le teorie economiche che guidano la storia, la politica e aiutano a spiegare il mondo che ti circonda.

Visualizza classe

Prima di Keynes, il campo dell'economia era dominato da economia classica , basato sulle opere di Adam Smith. L'economia classica enfatizza il libero mercato e scoraggia l'intervento del governo, credendo che la mano invisibile del mercato sia il modo migliore per allocare in modo efficiente beni e risorse in una società.

  • Il predominio della teoria economica classica è stato severamente messo in discussione durante la Grande Depressione, quando un crollo della domanda non è riuscito a portare a maggiori risparmi oa tassi di interesse più bassi che potrebbero stimolare la spesa per investimenti e stabilizzare la domanda.
  • Durante questo periodo, gli Stati Uniti sotto l'amministrazione Hoover perseguirono una politica di bilanci in pareggio, portando a massicci aumenti delle tasse e alle tariffe Smoot-Hawley degli anni '30. Queste politiche, in particolare quest'ultima, non sono riuscite a stimolare la domanda per le industrie nazionali e hanno provocato dazi di ritorsione da parte di altre nazioni, che hanno portato a un'ulteriore diminuzione del commercio internazionale e probabilmente hanno aggravato la crisi.
  • Scrivendo nel suo Teoria generale del 1936, Keynes sosteneva in modo persuasivo che, contrariamente all'economia classica, i mercati non hanno meccanismi di autostabilizzazione. Secondo il suo resoconto, i produttori prendono decisioni di investimento in base alla domanda futura prevista. Se la domanda appare debole (come durante una recessione), le imprese hanno meno probabilità di produrre più beni e servizi, il che a sua volta si traduce in un minor numero di persone con posti di lavoro o reddito che potrebbero stimolare l'attività economica. In casi come questo, sosteneva Keynes, i governi potrebbero stimolare la domanda aumentando la spesa.
  • Le politiche di Keynes trovarono sostenitori nell'amministrazione di Franklin Roosevelt, che perseguì molte delle politiche monetarie e fiscali sostenute da Keynes nella forma del New Deal. Ciò includeva la spesa pubblica attraverso programmi come la Works Progress Administration (WPA), il Civilian Conservation Corps (CCC), la Tennessee Valley Authority (TVA) e la Civil Works Administration (CWA).
  • Sebbene l'esatta relazione tra le politiche del New Deal di Franklin e la Grande Depressione sia un argomento molto dibattuto tra gli economisti, le opinioni di Keynes divennero l'ortodossia economica negli Stati Uniti e in gran parte del mondo occidentale fino alla stagflazione degli anni '70, quando in gran parte caddero dal moda a favore delle teorie dal lato dell'offerta.

Il dibattito sull'economia dal lato della domanda oggi

Sebbene per lo più associati a FDR e al New Deal, l'economia keynesiana e i suoi discendenti hanno sperimentato una sorta di rinascita dalla crisi finanziaria del 2008.

  • Durante la Grande Recessione, l'amministrazione Obama ha perseguito una serie di politiche dal lato della domanda per stimolare l'economia. Questi includevano la riduzione aggressiva dei tassi di interesse, il taglio delle tasse per la classe media e l'introduzione di un pacchetto di incentivi da 787 miliardi di dollari. L'amministrazione è intervenuta anche nel settore finanziario, superando la più grande revisione di quel settore dagli anni '30, in netto contrasto con gli atteggiamenti più laissez-faire degli anni '90 e dei primi anni 2000.
  • Come durante gli anni '30, queste politiche sul lato della domanda furono ferocemente contestate all'epoca e rimangono controverse anche oggi. La lentezza della ripresa ha suscitato critiche da parte di molti economisti, soprattutto di sinistra, che sostengono che servissero stimoli ancora più aggressivi, mentre gli economisti di destra hanno criticato l'amministrazione Obama per aver aumentato il deficit.

Scopri di più sull'economia nella MasterClass di Paul Krugman.